PROVE FISICHE VIGILI DEL FUOCO
Ricevi tutte le informazioni di cui hai bisogno per diventare Vigile del Fuoco

PROVE FISICHE VIGILI DEL FUOCO

Vuoi capire come superare le Prove fisiche Vigili del Fuoco? La prima cosa da fare, allora, è sicuramente informarti! Scopri tutto ciò che c'è da sapere sul Concorso Vigili del Fuoco nelle righe successive.

Le prove fisiche Vigili del Fuoco rappresentano un momento importante nel percorso del Concorso Vigili del Fuoco. Queste, infatti, hanno lo scopo di accertare l’idoneità fisica richiesta ai concorrenti e, data la loro elevata difficoltà, richiedono grande costanza, esercizio e programmazione. Ecco perché, di seguito, andremo ad analizzarle nel dettaglio, assieme ai relativi parametri di idoneità, per fornirti tutte le informazioni che ti servono per diventare Vigile del Fuoco.

Indice dei contenuti

Introduzione

Anzitutto, bisogna sapere che le prove fisiche Vigili del Fuoco sono introdotte da un quiz a risposta multipla che fa da prova preselettiva (concernente domande di italiano, storia, educazione civica, scienze, geografia, tecnologia, matematica e di ragionamento logico). Soltanto i candidati che supereranno questo gradino potranno sottoporsi ai successivi test fisici. Questi ultimi si articolano in 4 moduli, ognuno dei quali può conferire ad un singolo concorrente al massimo 12,5 punti, per un totale di 50 complessivi. È bene sottolineare, poi, che per risultare idonei, bisogna ottenere almeno il voto di 6/10 ad ogni esercizio, e una media di 7/10 complessiva tra tutte le prove.

Modulo I

La prima parte delle prove fisiche Vigili del fuoco - che hanno la finalità di valutare la forza e la predisposizone all'utilizzo di attrezzature e mezzi operativi del candidato - si compone di un percorso a tappe di 5 prove, da eseguire in successione e di seguito in un tempo totale massimo di 300 secondi. È importante effettuare i movimenti con attenzione e precisione (esattamente come descritto più sotto), perché gli esaminatori possono riservarsi il diritto di richiedere la ripetizione degli stessi, qualora ritengano la tecnica impiegata non conforme ai protocolli descritti dal bando. In questo caso, il candidato può svolgere nuovamente l'esercizio, ma senza che il cronometro venga fermato.

  • Salita sulla pedana alta 0,67 metri - Il candidato deve salire su una pedana posta a 67 centimentri da terra con un piede per volta. Il movimento corretto prevede che la salita sia effettuata facendo forza contemporanemente sul piede poggiato sulla piattaforma e su quello rimasto a terra, insieme all'ausilio della mano posta sul sostegno di appoggio posizionato all'altezza di 1,75 metri;
  • Estrazione di un anello dalla sede posta a 1,975 metri di altezza rispetto al piano di calpestio della pedana - Una volta in cima, il candidato fissa i piedi negli appositi blocchi allestiti sopra la pedana e, con una mano a scelta, afferra l'anello posto a 1,975 metri di altezza. A quel punto, deve rotearlo di 90° in senso antiorario ed estrarlo dal raccordo della baionetta, posizionandola sul suolo;
  • Seduta sulla scala e sollevamento di un peso di 10 kg - Continuando il movimento, il candidato assume la "posizione del pedone" sulla scala portatile. In questa posizione, il concorrente si pone a cavalcioni sulla scala, e, sorreggendosi con le mani nelle apposite posizioni, si sporge lateralmente, flettendo il busto fino a raggiungere il peso di 10 kili, sollevandolo verticalmente per almeno 25 centimetri e ricollocandolo, poi, nella posizione iniziale;
  • Trasporto sulle spalle di un manichino pesante 40 kg, lungo un percorso piano di circa 20 metri - Il manichino di 40kg, posizionato a terra, va sollevato, portato sulle spalle e trasportato senza mai toccare terra per 20 metri;
  • Effettuazione alla sbarra fissa di una serie di trazioni complete (almeno 2) - Concluso il percorso di 20 metri, il candidato si porta alla postazione della sbarra fissa. Questa, una volta impugnata in posizione dorsale, deve completare almeno due trazioni complete e continue senza l'aiuto della spinta dei piedi (un movimento, viene considerato completo una trazione in cui il candidato supera la sbarra almeno con il mento).

TORNA ALL'INDICE

Modulo II

Per la seconda sequenza di esercizi i concorrenti possono utilizzare guanti da palestra, protezioni per articolazioni e occhiali sportivi. Come in precedenza, molta attenzione va posta sulla tecnica di esecuzione di ogni singola prova. Il tempo massimo complessivo per l'esecuzione dell'intero modulo è di 270 secondi.

  • Salita della fune fino a circa m 5 dal suolo – passaggio su una piattaforma posta a m 4,00 dal suolo – discesa della pertica. - Il candidato, indossando l'imbracatura di sicurezza, deve raggiungere l'altezza di 5 metri salendo alla fune utilizzando entrambe le mani e tenendo i piedi saldamente a contatto con la corda. In caso di caduta o di perdita di contatto con la fune, la prova viene interrotta con la possibilità di essere ripresa dal candidato a 5 minuti di distanza dal primo tentativo e con una penalità di 10 secondi sul tempo finale. Raggiunta la piattaforma che segna il traguardo della salita, e smontata l'imbracatura, il candidato dovrà calarsi da una pertica della stessa altezza alternando le mani per controllare la discesa;
  • Traslocazione sulla trave di equilibrio, lunga m 5 - Subito dopo, al candidato è richiesto di camminare (ad andatura controllata) sulla trave di equilibrio lunga 5 metri. In caso di errore, stavolta, non sono previste penalità. Tuttavia, sarà possibile ripetere l'esercizio al massimo altre due volte;
  • Scavalcamento della parete in legno, alta m 2 - Al candidato viene chiesto di scavalcare una parete di legno alta e larga 2 metri e profonda 4. Due cose da tenere a mente:
    1. il candidato non può utilizzare nè le gambe nè i supporti laterali della struttura per aiutarsi nel movimento di salita;
    2. nella fase apicale dello scavalcamento, il candidato deve assumere la posizione di busto eretto appoggiando le braccia sul dorso superiore della parete.
    Per questa prova vale la regola precedente: in caso di fallimento non vengono addebitate penalità, ma si hanno soltato due tentativi per ripetere l'esercizio;
  • Attraversamento del tunnel, lungo 6 metri e del diametro di 80 centimetri - Stavolta la tecnica non è imposta: il candidato può attraversare il tunnel secondo lo stile più comodo e più adatto alle proprie capacità atletico-motorie. Anche qui, in caso di errore, vale la regola della Traslocazione e dello Scavalcamento;
  • Salita e discesa ripetute (n. 10 salite e n. 10 discese) della rampa di scale, costituita da 11 alzate, con trasporto di uno zaino pesante kg 10. - Con il cronometro che continua a scorrere, il candidato giunge all'ultima postazione del percorso del Modulo II: quella della scala. Qui, il candidato - indossando uno zaino del peso di 10 kili - dovrà salire e scendere, ad andatura controllata e mantenendosi in equilibrio senza sostenersi sui mancorrenti laterali di sicurezza della rampa di scale (di 11 gradini). L’esercizio di salita e discesa deve essere ripetuto complessivamente 10 volte. L'eserizio ha termine una volta che il candidato si sveste dello zaino e lo deposita a terra. Non sono previste penalità in caso di errori, ma neanche secondi tentativi;

TORNA ALL'INDICE

Modulo III

Il terzo Modulo delle prove fisiche Vigili del Fuoco è riservato agli esercizi di nuoto da svolgere in una piscina di 25 metri al cui interno sono collocati 5 ostacoli. Per questo motivo, al candidato è richiesto di presentarsi per questa serie di prove munito di accappatoio, costume da bagno, cuffia e ciabatte da piscina, mentre è facoltativo l'uso di "occhialini" e apposito "tappanaso". Il tempo massimo per effettuare la prova che andremo a descrivere nelle prossime righe è di 35 secondi, mentre i 5 ostacoli - dell'intera larghezza della corsia e dell'altezza di 70 centimetri - sono posizionati rispettivamente a:

  1. 9 metri;
  2. 11 metri;
  3. 13 metri;
  4. 15 metri;
  5. 17 metri.

Dopo l’entrata in acqua (che va compiuta non con un tuffo o aiutandosi della spinta dei piedi sul muretto di partenza, ma lasciandosi cadere verticalmente nella piscina), il candidato nuoterà obbligatoriamente in galleggiamento prono – crawl, scegliendo lo stile che preferisce tra stile libero, rana, farfalla e stile trudgen, per 9 metri.

In prossimità del primo ostacolo, il candidato deve immergersi oltrepassando in apnea tutti e 5 gli ostacoli, coprendo dunque una distanza di 8 metri a una profondità di immersione di almeno 71 centimetri (gli ostacoli - come detto - sono alti 70 centimetri sotto il livello dell'acqua). È importante, inoltre, sottolineare che durante la fase di apnea nessuna parte del corpo rompa il livello della superficie dell'acqua, e che il candidato riemerga nell'ultimo tratto per nuotare - sempre con uno stile a scelta - almeno per gli ultimi 4 metri della piscina.

Ogni ripetizione della prova - che può avvenire qualora il candidati passi sopra un ostacolo - comporta una penalità di 3 secondi.

TORNA ALL'INDICE

Modulo IV

L'ultimo atto delle prove Fisiche Vigili del Fuoco consiste nella realizzazione di un manufatto che rispetti le caratteristiche tecniche richieste dalla commissione esaminatrice. L’esecuzione della prova, che ha la finalità di accertare le capacità pratiche del candidato, richiede le seguenti operazioni elementari:

  1. Tagliare una tavola in legno massello di abete, ricavandone due parti;
  2. Assemblare le due tavolette ottenute nella prima operazione e posizionarle l’una sull’altra in modo da formare una “T” con ala asimmetrica, grazie alle due piastrine metalliche di giunzione ad angolo fornite;
  3. Fissare la "T" ottenuta ad una tavola di base attraverso un “piede” di collegamento ottenuto tagliando a misura un listello di legno;
  4. Posizionare in uno dei fori presenti nella “T” un bullone ad occhiello, completo di dadi e rondelle e, allo stesso tempo, fissare sulla tavola di base una vite (sempre ad occhiello) avvitandola nel punto indicato dalla commissione;
  5. Infine, annodare un anello di corda con la tipologia di nodo richiesta dalla commissione.

TORNA ALL'INDICE

Contattaci

Se desideri ricevere ulteriore supporto per preparare i singoli esercizi, o su come superare le prove fisiche vigili del fuoco, puoi completare il modulo informazioni presente in questa pagina. Se, invece, preferisci approfondire le altre prove di preparazione concorsi militari puoi navigare tra le seguenti pagine: